AIUTATE UN DANESE

Trondheim, 22 febbraio 2017

Rispettabili cittadini italiani, la Danimarca ha bisogno di voi. Noi danesi amiamo il vostro paese ma abbiamo un problema: il sole forte danneggia la nostra pelle delicata e, ogni giorno, un danese muore di cancro della pelle. Sappiamo che siete molto indaffarati, ma chiediamo rispettosamente il vostro aiuto. Aiutate un danese sotto il sole. Decine di migliaia di danesi passano dal buio e freddo nord alle vostre spiagge chilometriche. Quando vediamo un raggio di sole, gettiamo al vento la prudenza e ci scottiamo, ora dopo ora. Insegnateci a fare come voi, ricordateci che sotto il sole italiano conta ogni minuto, che ci si trovi in spiaggia, sulla terrazza di una pizzeria o nelle vostre splendide piazze. Ricordateci dell’ombra, del cappellino e della crema solare. Fatti avanti e aiuta un danese. A nome di tutta la Danimarca, grazie.

Il video della societa’ danese contro il cancro recita cosi’. E, leggendo il testo e pensando alla gravita’ del problema, tutto sembrerebbe quasi normale.

La cosa strana sono la schiera di ustionati nel video in costume che cantano, la musica da oltretomba, il tizio che parla con il tono di un becchino dietro una scrivania governativa e le scene nelle quali mette il cappellino o spalma la crema, sempre in giacca e cravatta, al danese in spiaggia…

https://www.youtube.com/watch?v=wbDZSV-AekE

Ok, e’ strano anche il messaggio.

E’ come se il governo italiano facesse un video per i norvegesi nel quale chiede di ricordarci i guanti e il cappello per non congelarci e perdere qualche dito, di aiutarci a ritrovare la strada se ci perdiamo in mezzo alla natura, di controllare i funghi che raccogliamo, onde evitare avvelenamenti, e di impedirci di disturbare i moskus per non farci caricare dai questi bisonti pelosi..

Insomma, se si parla a degli adulti, questi messaggi si da per scontato siano bene impressi nella loro mente dall’eta’ di tre anni. E se cosi’ non fosse, sono adulti, quindi devono badare a loro stessi.

Non pensatemi cinica. Non voglio il male di nessuno, anzi, se posso dare una mano, lo faccio volentieri. Ma mi vengono in mente alcune battute e risatine di alcuni norvegesi i quali mi hanno spiegato che, se vedi qualcuno che esce con una barca piccola quando sta per arrivare una forte tempesta, quello deve proprio essere un tedesco. Non mi hanno saputo spiegare il perche’, ma a loro sembra proprio ovvio. Comunque, non mi hanno detto ‘se lo vedi avventurarsi in mare quando sta per tempestare, fermalo’. Mi hanno solo detto ‘se lo fa, e’ tedesco’. Buono a sapersi. Almeno sai la nazionalita’ del disperso in mare? A volte questi abitanti del nord sono proprio strani… Almeno hanno avuto la decenza di non raccontarmi la ‘storiella’ sull’italiano (perche’ ce ne sara’ sicuramente una..)

Ma sto parlando della Norvegia. Il filmato e’ danese, tutta un’altra storia. Comunque, per essere sicura, dopo averlo visto ho cercato su internet se vi fosse un analogo filmato norvegese. Per fortuna non ho trovato nulla. Del resto, non credo che ai norvegesi serva andare al sud per scottarsi: ho visto parecchia gente con ustioni varie sul viso per essere andati a sciare qui in Norvegia, forse pensando che qui al nord sarebbe stato meno pericoloso…

Comunque, norvegesi o danesi, le persone non sono stupide. E sono sicura che il filmato della Danimarca, alla fine, e’ servito. Magari non ad aumentare la stima del popolo italiano nei confronti della Danimarca. Ma, se non altro, sara’ servito ai danesi stessi i quali, vedendolo, avranno pensato che non vogliono sembrare ridicoli come gli amici del video, quindi si ricorderanno di certo ombra, cappello e crema, alla prossima vacanza in Italia.

A presto

Arianna

Annunci